Sport for Africa un grande successo con il cuore di tutti

I riflettori si sono spenti sulla serata "Sport For Africa"; a mente fredda, si accendono ora alcune riflessioni. Tanta attenzione da parte delle persone e dei media, prima e dopo la manifestazione, a testimonianza di una partecipazione emotiva collettiva fuori da ogni previsione. L'intento della serata era cercare di coniugare gioco e impegno sociale, divertimento e riflessione, serenità e consapevolezza di mondi diversi, spensieratezza e concentrazione personale. Il messaggio che ci auguriamo stia germogliando in ognuno dei presenti: "Fiducia nelle proprie idee, nel proprio impegno, nella efficacia delle azioni personali". Gabnichi è composta da persone che si muovono con l'intento comune di aiutare realtà svantaggiate a costruire le basi pratiche per un proprio sviluppo autonomo: tutto questo accantonando le proprie convinzioni politiche, mettendo a disposizione del gruppo le proprie doti caratteriali, spogliandosi di ogni protagonismo, spendendo quotidianamente la propria credibilità (come nella vendita dei biglietti della lotteria) in un contesto di diffusa diffidenza verso la beneficenza, digerendo i molti no ed alimentandosi dei sì più sinceri. Tutti i dettagli della serata sono stati raccontati minuziosamente dai media, consultabili nella rassegna stampa e visibili sfogliando la photo gallery: vengono ritratti la splendida cornice del Teatro dei Rozzi concesso grazie al patrocinio del Comune di Siena, la conferenza stampa allietata dal buffet donato da alcuni sostenitori e coordinato da cuochi volontari, lo spettacolo condotto dalla impareggiabile coppia Salvadori e Tomei, gli spettatori che si sono trattenuti fino a tardi. Le impressioni dei campioni dello sport che hanno partecipato sono direttamente udibili nella sezione interviste: persone semplici ed allo stesso tempo speciali, che con la loro presenza hanno tangibilmente testimoniato i propri sentimenti di solidarietà sociale, dando un contributo determinante all'interesse suscitato dalla serata, resa magica dai misteriosi suoni della musica di Gabin Dabiré. Ed infine, un numero: 61.125 euro raccolti, per completare la scuola secondaria di Kongwa. Le parole del musicista africano al pubblico ne rivelano il significato: "Realizzare una scuola in Tanzania ha la stessa importanza sociale di costruire un'intera Università a Siena".

Carlo Recalcati durante l'edizione 2006